Torna all'elenco

Contributi per la sicurezza nella Provincia di Reggio Emilia

L'obiettivo è quello di promuovere la diffusione dei sistemi di videosorveglianza antirapina, predisposti e configurati secondo i requisiti tecnicoi previsti dalle Forze dell'Ordine, a tutela delle attività commerciali e artigianali con sede o unità locale in Provincia di Reggio Emilia, che esercitano l'attività in posto fisso

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono presentare domanda le PMI esercenti attività economiche  e le spese ammissibili sono quelle relative alle spese di acquisto e di installazione sostenute a partire dal 01/07/2016 e fino al 31/12/2016 pe sistemi di video allarme antirapina che interagiscano direttamente con gli apparati in essere presso le sale e le centrali operative della Polizia di Stato e dell'Arma dei Carabinieri, conformemente ai principi predisposti dal Garante per la protezione dei dati personali in materia di videosorveglianza.

PMI così come definite nella Raccomandazione della Commissione Europea 2003/361/CE del 6 maggio 2003 (GU Unione Europea L124 del 20/05/2003), con sede legale e/o unità operativa nella provincia di Reggio Emilia.

OBIETTIVI DEL BANDO

Favorire la competitività delle PMI attraverso uno stanziamento a disposizione delle imprese che intendano dotarsi di sistemi di sicurezza per affrontare il problema della microcriminlaità.

AMMONTARE DEL CONTRIBUTO/AGEVOLAZIONI PREVISTE

Contributo a fondo perduto fino ad un massimo del 40% della spesa ammissibile ed effettivamente sostenuta fino ad un valore massimo di € 2.000,00 di contributo.
 Il valore minimo dell’investimento è pari a € 2.000,00 Nel caso di impresa plurilocalizzata, essa potrà beneficiare di un solo contributo per la sede o per una delle UL di cui dispone .
 L’agevolazione è erogata nell’ambito del regime de minimis (Reg. CE 1407/2013 e Reg. CE 1408/2013 per il settore della produzione di prodotti agricoli).
 I contributi non sono cumulabili per le stesse spese finanziabili con altri contributi pubblici ricevuti sullo stesso titolo di spesa
 Non sono ammissibili le istanze delle imprese che hanno già beneficiato dei contributi camerali per la stessa tipologia d’investimento sul Bando sostegno all’innovazione Anno 2015 e/o Anno 2016.
 Saranno escluse totalmente dall’erogazione del contributo le imprese che realizzino l’investimento in misura inferiore al 70% rispetto a quello preventivato e ammesso a contributo.
 L’ottenimento del collegamento con le Forze dell’Ordine è condizione necessaria per l’erogazione del contributo.

DESCRIZIONE DELL'INTERVENTO/SERVIZI OFFERTI

Gli investimenti ammessi a contributo dovranno riguardare sistemi di video allarme antirapina – predisposti e configurati secondo i requisiti tecnici previsti dalle Forze dell’Ordine – che interagiscano direttamente con gli apparati in essere presso le Sale e le Centrali Operative della Polizia di Stato e dell'Arma dei Carabinieri, conformemente ai principi predisposti dal Garante per la protezione dei dati personali in materia di videosorveglianza.
 L’investimento deve riguardare la sede o una unità locale iscritta al Registro delle Imprese di Reggio Emilia alla data di presentazione della domanda.

Spese ammissibili. 
sostenute (fatturate e quietanzate) nel periodo compreso dal 01/07/2016 e fino al 31/12/2016.
 Le spese ammissibili (al netto di IVA) sono le seguenti:

a) costo di acquisto dell’impianto;
) spese di installazione

Non sono ammissibili in ogni caso (a titolo esemplificativo):

– investimenti in beni usati;
– interventi di edilizia;
– i contratti di "service", di leasing o teleleasing e ogni altra modalità di acquisizione del bene diversa dall'acquisto;
– garanzie e relative estensioni;
– spese di trasporto del bene;
– spese generali e di amministrazione o comunque qualsiasi spesa relativa al funzionamento ordinario.
– spese regolate per contanti o attraverso cessioni di beni o compensazioni di qualsiasi genere tra il beneficiario ed il fornitore;
– investimenti oggetto di autofatturazione;
– spese relative a beni/ oggetto di “fatture d’acconto” con data antecedente al 01/07/2016;
– spese effettuate e/o fatturate alle imprese beneficiarie dal legale rappresentante, e da qualunque altro soggetto facente parte degli organi societari, e dal coniuge o parenti entro il terzo grado dei soggetti richiamati, ad esclusione delle prestazioni lavorative rese da soci con contratto di lavoro dipendente e senza cariche sociali;
– spese effettuate e/o fatturate alle imprese beneficiarie da società con rapporti di controllo o collegamento così come definiti ai sensi dell’art. 2359 del Codice Civile o che abbiano in comune soci, amministratori o procuratori con poteri di rappresentanza;

TERMINI DI PRESENTAZIONE

Le domande potranno essere presentate tramite modalità telematica (WEB Telemaco) dal 12/09/2016 al 07/10/2016. Il servizio di acquisizione delle pratiche da parte degli Sportelli Telematici è attivo nei giorni e negli orari indicati sul sito di Webtelemaco link

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE

Le domande potranno essere presentate tramite modalità telematica (WEB Telemaco) dal 12/09/2016 al 07/10/2016. L’ammissione al contributo avverrà sino ad esaurimento dei fondi disponibili. E’ ammessa una sola richiesta di contributo per ciascuna impresa (la prima pervenuta in ordine cronologico). L’ordine di precedenza nella graduatoria è determinato in base all’ordine cronologico di spedizione delle domande.
 Tra le domande eventualmente aventi la stessa data di invio la posizione in graduatoria sarà determinata sulla base  ell’ordine crescente dell’ammontare dell’investimento ammesso a contribuzione. La rendicontazione dovrà essere trasmessa entro e non oltre il 28/02/2017. Alla rendicontazione dovrà essere allegata, tra gli altri documenti, attestazione di avvenuto collegamento dell’impianto di sicurezza al server installato presso la Questura o i Carabinieri.

Per maggiori informazioni

Per cogliere questa opportunità, o richiedere maggiori informazioni, è sufficiente compilare questo modulo e sarete ricontattati.

Sei associato? *

Please wait...

News correlate

Share This