Torna all'elenco

Il comune di Zocca ha stanziato dei contributi per le imprese

Il comune di Zocca ha comunicato di aver predisposto di un bando volto a sostenere le piccole e microimprese artigianali e commerciali con sede nel territorio comunale. Il bando rientra nel fondo per il sostegno alle Aree Interne istituito dalla legge n.160/2019 per l’anno 2021 e prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto per alcune tipologie di spese sostenute nel 2020.

A chi si rivolge

Il bando è rivolto esclusivamente a piccole e micro-imprese commerciali ed artigiane operanti nei comuni delle aree interne e montane, con i seguenti requisiti:

  • Svolgere un’attività economica attraverso un’unità operativa ubicata nei territori del Comune di Zocca.
  • Ovvero Intraprendere, nel suddetto territorio, nuove attività economiche ( “Attività economiche”: le attività economiche svolte in ambito commerciale e artigianale.)
  • essere regolarmente costituita come piccola e micro impresa e iscritta al registro delle imprese presso la CCIAA al momento della presentazione della domanda di contributo;
  • essere in possesso della cittadinanza di uno degli Stati membri dell’U.E;
  • essere un’impresa attiva, non essere in stato di liquidazione o di fallimento o non essere stata soggetta a procedure di fallimento o concordato preventivo nell’ultimo quinquennio;
  • non aver commesso violazioni definitivamente accertate rispetto agli obblighi relativi al pagamento di imposte e tasse, secondo la normativa vigente;
  • i soggetti con obbligo di iscrizione all’ INPS e all’ INAIL devono essere in regola con la posizione contributiva;
  • rispettare le norme in materia di prevenzione da infortuni e sicurezza sui luoghi di lavoro;
  • essere in regola, con tutti i pagamenti ed adempimenti (azienda ed eventuali singoli soci) nei confronti dell’Amministrazione Comunale alla quale si inoltra la domanda di contributo;
  • presentare un Piano di Sviluppo Aziendale (PSA);
  • assicurare la presenza dei requisiti soprariportati per tutto il periodo di validità del bando, della graduatoria e comunque fino alla data dell’atto di erogazione del contributo;
  • non aver ricevuto altri contributi, anche sottoforma di credito di imposta, per le stesse spese per le quali si chiede il contributo e che saranno rendicontate ai sensi del presente bando;
  • Impegnarsi a continuare l’attività e a non alienare i beni oggetto di contributo per il tempo necessario al fine di soddisfare il vincolo di destinazione d’uso, secondo quanto previsto dalle norme nazionali e comunitarie.

Spese ammissibili

Il bando prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto per spese di gestione e iniziative che agevolino la ristrutturazione, l’ammodernamento per innovazione di prodotto e di processo di attività artigianali e commerciali. Per quanto riguarda le spese di gestione, il bando fa riferimento in particolare:

  • Spese per utenze attive, quali: luce, acqua, gas, telefoniche;
  • Spese amministrative (consulenze, assicurazioni, costi societari);
  • Acquisto materiale per la protezione di lavoratori,
  • Servizi di pulizia e sanificazione dei locali e delle merci,
  • spese annuali di noleggio attrezzature;
  • rate annuali di eventuali contratti di leasing finanziario,
  • canoni di locazione e/o dei ratei del mutuo annuali;

Potranno essere indicate nel progetto le spese di gestione dal 01.01.2020 sino alla data di presentazione della domanda di contributo.

Per quanto riguarda Iniziative che agevolino la ristrutturazione, l’ammodernamento, l’ampliamento per innovazione di prodotto e di processo di attività artigianali e commerciali, il bando sottolinea che sono incluse le innovazioni tecnologiche indotte dalla digitalizzazione dei processi di marketing on line e di vendita a distanza, attraverso l’attribuzione alle imprese di contributi in conto capitale ovvero l’erogazione di contributi a fondo perduto per l’acquisto di macchinari, impianti, arredi e attrezzature varie, per investimenti immateriali, per opere murarie e impiantistiche necessarie per l’installazione e il collegamento dei macchinari e dei nuovi impianti produttivi acquisiti; in particolare:

  • acquistare e/o rilevare attività economiche esistenti e permettere un loro riavvio e rilancio, incluso avviamento ed inclusi costi di investimento finalizzati all’avvio di una nuova attività economica;
  • ristrutturazione di immobili destinati all’attività aziendale, eccetto la manutenzione ordinaria;
  • arredi funzionali all’attività;
  • strumenti, apparecchiature, macchinari, attrezzature funzionali al processo di sviluppo aziendale;
  • impianti, attrezzature per la lavorazione/trasformazione/conservazione dei prodotti e/o servizi offerti o somministrati.
  • investimenti funzionali alla vendita delle produzioni/servizi aziendali;
  • costi per implementazione/allacciamento dell’infrastruttura digitale a banda larga (collegamento alla fibra ottica del carrier locale di riferimento);
  • costi di informazione e comunicazione, quali pubblicazioni, comunicazioni, acquisti di spazi pubblicitari e publi-redazionali su riviste e carta stampata, acquisto spazi e servizi a carattere radiotelevisivo);
  • realizzazione siti web;
  • acquisizione di hardware e software;
  • investimenti immateriali quali: acquisizione/sviluppo programmi informatici specialistici e/o acquisizione di brevetti/licenze;

Potranno essere indicate nel progetto le spese di investimento dal 01.01.2020 sino alla data di presentazione della domanda di contributo.

Risorse finanziarie

Il Comune di Zocca dispone della seguente dotazione finanziaria distinta per ciascuna annualità, nel 2020 oltre 70 mila euro, nel 2021 oltre 46 mila euro e nel 2022 sempre 46 mila euro per un totale di oltre 163 mila euro. In particolare nell’anno 2020 le risorse sono cosi assegnate: € 46.675,33 per spese di gestione e € 23.337,67 per investimenti.

Come e quando presentare la domanda

Le domande di contributo dovranno essere presentate entro e non oltre il 27 novembre 2021.a mezzo P.E.C. al Comune di Zocca: comunezocca@cert.comune.zocca.mo.it . Riportando nell’oggetto la seguente dicitura: “Contributi a fondo perduto a sostegno delle attività economiche, commerciali ed artigianali di cui al Decreto del Presidente del Consiglio del 24 settembre 2020 – CODICE CAR 19887”.

La domanda di contributo è soggetta all’apposizione dell’imposta di bollo (pari ad Euro 16,00, fatte salve eventuali modificazioni) mediante l’apposizione della marca da bollo sulla prima pagina della domanda di contributo;

La domanda di contributo (utilizzare lo schema dell’allegato 1 all’interno del bando in fondo alla notizia) dovrà essere corredata con:

  • Relazione contenente il Piano di Sviluppo Aziendale (PSA) contenente gli aspetti finanziari e progettuali dell’investimento, secondo lo schema di cui all’Allegato 4 “Schema di relazione tecnico-economica di progetto”. Dovranno essere evidenziate, con una disaggregazione per voce di costi ed i documenti giustificativi della spesa Fatture pagamenti ecc..;
  • Documentazione giustificativa della spesa.
  • Dichiarazione in cui sono elencate le ulteriori autorizzazioni cui l’intervento è soggetto secondo la normativa vigente;
  • Dichiarazione relativa alla condizione di essere piccola o micro impresa;
  • Dichiarazione relativa ai contributi “de minimis” (Allegato 7);
  • Autovalutazione relativa al possesso delle priorità e relativi punteggi (Allegato 6);
  • Documentazione relativa al possesso del requisito inerente il calo del fatturato qualora ricorra la condizione.

Ulteriori criteri di ammissibilità e maggiori informazioni nel bando allegato.

Allegati

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate

    Share This