Torna all'elenco

Fondo per la Sicurezza – News Bandi #5

13 Marzo 2015

Fondo per la Sicurezza – Contributo a fondo perduto per l'installazione di sistemi di sicurezza – anno 2015

Bando aperto dal 30/03 al 20/04/2015

 

FINALITÀ

Il presente intervento è rivolto all’istituzione, da parte della Camera di Commercio di Modena e dei Comuni aderenti, di un Fondo provinciale per la Sicurezza a disposizione delle imprese che intendano dotarsi di sistemi di sicurezza, per affrontare il problema della microcriminalità.

Il Fondo per la Sicurezza è cofinanziato da Camera di Commercio, dal Comune di Modena e da altri 28 comuni del territorio: Bomporto, Campogalliano, Camposanto, Carpi, Castelnuovo Rangone, Castelvetro, Fanano, Finale Emilia, Fiorano, Fiumalbo, Formigine, Guiglia, Maranello, Marano s/P, Medolla, Mirandola, Montese, Nonantola, Novi di Modena, Pavullo n/F, San Felice s/P, San Possidonio, Sassuolo, Savignano s/P, Serramazzoni, Sestola, Soliera e Vignola.

SOGGETTI AMMISSIBILI

Possono presentare domanda sul presente intervento le piccole imprese esercenti attività economiche, aperte al pubblico, iscritte al Registro Imprese, con sede o unità locale in provincia di Modena, che esercitino l’attività in posto fisso con consistente flusso di valori e moneta.
precisa che per piccola impresa, secondo la definizione comunitaria, s’intende quella che occupa meno di 50 addetti e che realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo non superiori a 10 milioni di euro.

Più precisamente sono ammissibili le imprese in possesso delle caratteristiche di cui sopra che, nello svolgimento dell’attività principale o secondaria, rientrino nei seguenti codici ISTAT di classificazione delle attività economiche:

01.13: Coltivazione di ortaggi, meloni, radici e tuberi (occorre allegare copia della Scia inviata al Comune per la vendita diretta);
.19 : Floricultura e coltivazione di altre colture non permanenti (occorre allegare copia della Scia inviata al Comune per la vendita diretta);
.21 : Coltivazione di uva (occorre allegare copia della Scia inviata al Comune per la vendita diretta);
.24 : Coltivazione di pomacee e frutta a nocciolo (occorre allegare copia della Scia inviata al Comune per la vendita diretta);
.25 : Coltivazione di altri alberi da frutta, frutti di bosco e frutta in guscio (occorre allegare copia della Scia inviata al Comune per la vendita diretta);
.4 : Allevamento di animali;
.51.2 : Produzione dei derivati del latte ;
.61 : Lavorazione delle granaglie
.71.1 : Produzione di prodotti di panetteria freschi;
.73 : Produzione di paste alimentari, di cuscus e di prodotti farinacei simili ;
.84 : Produzione di condimenti e spezie ;
.02 : Produzione di vini da uve ;
.92 : Fabbricazione di biciclette e veicoli per invalidi;
.1 : Fabbricazione di gioielleria, bigiotteria e articoli connessi; lavorazione delle pietre preziose;
.11 – 45.40 : Commercio al dettaglio, manutenzione e riparazione di autoveicoli e motocicli (escluso il commercio all’ingrosso);
.48 : Commercio all’ingrosso di orologi e gioielleria;
.72.2 : Commercio all’ingrosso di oro altri metalli preziosi;
.11 – 47.79 : Commercio al dettaglio di qualsiasi prodotto
.10 – 56.30 : Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione (esclusi i codici dal 56.10.4 al 56.29.2);
.20.2 : Laboratori fotografici per lo sviluppo e la stampa;
.1 : Attività delle agenzie di viaggio e dei tour operator;
.99.4 : Altri servizi di supporto alle imprese: richiesta certificati e disbrigo pratiche;
.53.0 : Autoscuole, scuole di pilotaggio e nautiche;
.00 : Attività riguardanti le lotterie, le scommesse, le case da gioco;
.11 – 93.13 : Attività sportive, di intrattenimento e di divertimento;
.29.1 : Discoteche, sale ballo, night club e simili;
.29.3 : Sala giochi e biliardi;
.25.0 : Riparazione di orologi e gioielli;
.01.2 : Lavanderie non industriali e tintorie;
.02 : Servizi dei parrucchieri e di altri trattamenti estetici;
.03 : Servizi di pompe funebri e attività connesse;
.04.1 : Servizi dei centri per il benessere fisico.

Si precisa che per le attività di produzione agricola primaria e per le imprese agroalimentari le installazioni degli impianti dovranno riguardare i locali in cui si svolge la vendita diretta al pubblico
presentare domanda di contributo le imprese in possesso dei seguenti requisiti: attive; in regola col pagamento del diritto annuale, di cui all’art. 18 della l. 580/93; non sottoposte a procedure concorsuali e di liquidazione volontaria; non protestate.
requisiti devono sussistere al momento della presentazione della domanda. Le imprese dovranno possedere i suddetti requisiti anche in fase di rendicontazione del contributo, pena la revoca del contributo stesso.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili al contributo sul Fondo di Sicurezza le spese di acquisto e di installazione, al netto dell'IVA, dei seguenti sistemi di sicurezza:

a) sistemi di videoallarme antirapina conformi ai requisiti previsti dal Protocollo d'Intesa del 14/07/2009, rinnovato il 12 novembre 2013, collegati in video alla Questura e ai Carabinieri;
) sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso, sistemi antintrusione con allarme acustico e nebbiogeni;
) sistemi passivi: casseforti, blindature, antitaccheggio, inferriate, vetri antisfondamento e sistemi integrati di verifica. Contabilizzazione e stoccaggio del denaro (l'elenco è esaustivo);

Il contributo verrà assegnato con priorità alle domande relative alla tipologia a) – impianti di videoallarme antirapina collegati in video alle Forze dell’Ordine; in subordine, se vi saranno ancora risorse disponibili, alle altre domande relative alle tipologie b) e c). Fatto salvo il criterio di priorità di cui sopra, le domande verranno ordinate in base all’ordine cronologico di ricezione della pratica telematica.
tutte le tipologie è ammissibile solo l’acquisto di beni nuovi. Per nuovo impianto si intende un impianto dotato di tutti i suoi componenti. Rientrano pertanto nella tipologia a) solo gli impianti che comprendono l’acquisto di videoregistratore, monitor e telecamere digitali; nel caso in cui manchi uno di questi elementi saranno considerati adeguamenti e pertanto ritenuti non ammissibili.
'intervento è retroattivo per spese sostenute a partire dal 30 settembre 2014.
sono ammissibili interventi di edilizia. Non sono ammissibili i contratti di “service”, di leasing o teleleasing e ogni altra modalità di acquisizione del bene diversa dall’acquisto.

MODALITA’ E LIMITI DEL CONTRIBUTO

Nel caso di impianti installati in comuni aderenti all'iniziativa, il contributo copre il 50% delle spese fino ad un massimo di 2.500,00 € per i sistemi a), fino ad un massimo di 1.000,00 € per i sistemi b) e fino ad un massimo di 600,00 € per i sistemi c).
caso di impianti realizzati in comuni non aderenti, il contributo copre il 40% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di 2.000,00 € per i sistemi a), fino ad un massimo di 800,00 € per i sistemi b) e fino ad un massimo di 480,00 € per i sistemi c).
caso di impresa plurilocalizzata, essa potrà beneficiare per tutta la durata dell’intervento di un solo contributo per la sede o per una delle unità locali di cui dispone. Ogni impresa potrà presentare una sola domanda per una sola tipologia di sistema di sicurezza. I contributi di cui al presente regolamento si intendono concessi in regime de minimis.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Le domande vanno presentate dal 30/3/2015 fino al 20/4/2015 esclusivamente in modalità telematica, con firma digitale del legale rappresentante dell'impresa.

L’invio telematico dovrà avvenire mediante la piattaforma Web Telemaco (http://webtelemaco.infocamere.it/)
’ esclusa qualsiasi altra modalità d’invio, pena l’inammissibilità della domanda.
domande spedite successivamente alla scadenza fissata non saranno prese in considerazione.

La domanda dovrà essere composta da:

– il modello base della pratica telematica;
– il modulo di domanda pubblicato tra gli allegati (scegliere quello corrispondente al sistema di sicurezza che si intende acquistare);
– i preventivi di spesa o le fatture già emesse, purché non antecedenti il 30 settembre 2014;
​- eventuale procura, solo se tutta la documentazione viene firmata digitalmente da un soggetto diverso dal legale rappresentante.

La valutazione delle domande spetta ad una commissione costituita dai rappresentati degli enti promotori.

CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO

Il contributo verrà assegnato con priorità alle domande relative alla tipologia a)

impianti di videoallarme antirapina collegati in video alle Forze dell’Ordine; in subordine, se vi saranno ancora risorse disponibili, alle altre domande relative alle tipologie b) e c). Fatto salvo il criterio di priorità di cui sopra, le domande verranno ordinate in base all’ordine cronologico di ricezione della pratica telematica.

L’indicazione di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) presso il quale l’impresa elegge domicilio per la richiesta di contributo rappresenta un elemento fondamentale affinché anche tutte le comunicazioni successive all’invio possano essere gestite con modalità telematica.
beneficiari del contributo dovranno presentare telematicamente alla Camera di Commercio, entro 90 giorni dal ricevimento della comunicazione di concessione del contributo, pena la perdita del beneficio, la documentazione probatoria consuntiva per ottenere la liquidazione del contributo,

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate

    Share This