Torna all'elenco

Fondo Starter: domande dal 25 giugno

Obiettivi

La Regione Emilia-Romagna ha costituito con delibera di Giunta regionale n. 791 del 30 maggio 2016 modificata con delibera n. 1537 del 26 settembre 2016, il Fondo multiscopo di finanza agevolata a compartecipazione privata, che per il settore nuove imprese intende favorire la nascita di nuove imprese e sostenere la crescita delle imprese operanti nel settore della S3.
comparto nuove imprese del fondo ha una dotazione finanziaria di 11 milioni di euro, elevata a 12,9 milioni con delibera n. 644 del 4 maggio 2018 (pdf, 344.37 KB).

Beneficiari

Piccole imprese in forma singola o associata, che siano nate in un periodo non antecedente ai 5 anni dalla presentazione della domanda di finanziamento.

Interventi ammessi

Sono considerate ammissibili le seguenti tipologie di spese:

– investimenti in innovazione produttiva e di servizio, sviluppo organizzativo, messa a punto dei prodotti e servizi da parte di piccole imprese che presentino potenzialità concrete di sviluppo, consolidamento e creazione di nuova occupazione sulla base di piani industriali, prioritariamente negli ambiti della S3, anche attraverso percorsi di rete;

– introduzione e uso efficace nelle piccole imprese di strumenti ICT nelle forme di servizi e soluzioni avanzate con acquisti di soluzioni customizzate di software e tecnologie innovative per la manifattura digitale.

– interventi su immobili strumentali: acquisto, ampliamento e/o ristrutturazione;

– acquisto di macchinari, attrezzature, hardware e software, arredi strettamente funzionali;

– acquisizione di brevetti, licenze, marchi, avviamento;

– spese per partecipazione a fiere e interventi promozionali;

– consulenze tecniche e/o specialistiche;

– spese del personale adibito al progetto;

– materiale e scorte;

– spese locazione dei locali adibito ad attività;

– spese per la produzione di documentazione tecnica necessaria per la presentazione della domanda (a titolo esemplificativo redazione di business plan).

Agevolazione

Il Fondo interviene concedendo finanziamenti a tasso agevolato con provvista mista, derivante per il 70% dalle risorse pubbliche del Fondo (Por Fesr 2014-2020) e per il restante 30% da risorse messe a disposizione degli Istituti di credito convenzionati.

I finanziamenti, nella forma tecnica di mutuo chirografario, possono avere la durata compresa tra 36 e 96 mesi (incluso un pre ammortamento massimo di 12 mesi), ed importo ricompreso tra un minimo di 20 mila euro ad un massimo di 300mila euro.

E’ finanziabile il 100% del progetto presentato.
’onere effettivo degli interessi a carico dell’impresa beneficiaria, è pari alla media ponderata fra i due seguenti tassi:

– Tasso di interesse pari allo 0,00% a valere sulla parte di finanziamento avente provvista pubblica (70%);

– Tasso di interesse pari all’Euribor 6 mesi mmp + spread massimo del 4,75% per la parte di finanziamento con provvista bancaria (30%).

Scadenza

Le domande possono essere presentate dalle ore 11 del 25 giugno alle ore 13 del 15 settembre 2020. In caso di superamento del plafond le domande saranno accolte con modalità di riserva capienza fondi, che sarà comunicata dal gestore del Fondo all'azienda in fase di istruttoria iniziale.

Informazioni

Anna Tran – Ufficio Bandi Lapam
anna.tran@lapam.eu
7541573

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    News correlate

    Share This