Torna all'elenco

Bonus casa: le novità della Legge di Bilancio 2021

La legge di Bilancio per il 2021, approvata in via definitiva e pubblicata in Gazzetta Ufficiale, dedica alcuni dei 1.150 commi dell’articolo 1 al “capitolo casa”. Tra nuovi bonus e proroghe di quelli già esistenti, ecco le principali novità, partendo dal cosiddetto superbonus 110%.

Superbonus 110%: le novità

Come anticipato sopra, i commi da 66 a 75 dell’articolo 1 modificano la disciplina del cosiddetto superbonus 110%.
In particolare, tra i soggetti beneficiari dell’agevolazione vengono incluse le persone fisiche, (non le imprese quindi), che intervengono su edifici composti da 2 a 4 unità immobiliari distintamente accatastate, anche se posseduti da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche.

Viene prevista la proroga dalla maxi detrazione fino al 30 giugno 2022 (per gli istituti autonomi case popolari – IACP – fino al 31 dicembre 2022). 
Il superbonus spetta anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022 per gli interventi effettuati dai condomini (e degli edifici plurifamiliari con un solo proprietario con non più di 4 unità immobiliari), per i quali alla data del 30 giugno 2022 siano stati eseguiti lavori per almeno il 60% dell’intervento.

Il superbonus viene esteso agli interventi per la coibentazione del tetto, agli edifici privi di attestato di prestazione energetica, all’eliminazione delle barriere architettoniche, agli impianti solari fotovoltaici su strutture pertinenziali agli edifici.

Il legislatore ha chiarito inoltre che un’unità immobiliare può ritenersi “funzionalmente indipendente” qualora sia dotata di almeno 3 delle seguenti installazioni o manufatti di proprietà esclusiva:

  • impianti per l’approvvigionamento idrico
  • impianti per il gas;
  • impianti per l’energia elettrica;
  • impianto di climatizzazione invernale.

Viene stabilito che l’aumento del 50% dei limiti delle spese ammesse alla fruizione degli incentivi fiscali per gli interventi di ricostruzione riguardanti i fabbricati danneggiati da eventi sismici, previsto per i comuni colpiti dai terremoti del 2016, 2017 e 2009, è esteso a tutti i Comuni interessati da simili eventi avvenuti dopo il 2008, dove sia stato dichiarato lo stato d’emergenza ed è applicabile per le spese sostenute entro il 30 giugno 2022 (non più entro il 31 dicembre 2020).

Viene inoltre previsto che per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022 per l’installazione di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici, sempre se l’installazione sia eseguita congiuntamente ad uno degli interventi ammessi alla detrazione al 110% (cd: interventi “trainanti”), la detrazione è riconosciuta nella misura del 110% nel rispetto dei seguenti limiti di spesa:

  • 2.000 euro per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno
  • 1.500 euro per edifici plurifamiliari o condomini che installino un numero massimo di otto colonnine;
  • 1.200 euro per edifici plurifamiliari o condomini che installino un numero superiore ad otto colonnine.

La Legge di Bilancio chiarisce poi le modalità per la considerare valide le deliberazioni dell’assemblea del condominio aventi per oggetto l’imputazione ad uno o più condomini dell’intera spesa.

Infine, per quanto riguarda l’obbligo di assicurazione per i professionisti, viene specificato che non è necessario stipulare una nuova assicurazione ma è possibile integrare quella già esistente, a condizione che la polizza già stipulata non preveda esclusioni relative ad attività di asseverazione e abbia un massimale non inferiore a 500mila euro inserendo la copertura del rischio di asseverazione dell’art. 119 del decreto Rilancio.

Bonus edilizi: arriva la proroga

Con i commi da 58 a 60 e 76, la legge di Bilancio 2021 proroga fino al 31 dicembre 2021 i principali bonus per la casa. In particolare:

  • il cosiddetto bonus facciate al 90% per gli interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti;
  • la detrazione Irpef per gli interventi di ristrutturazione edilizia nella misura potenziata del 50%;
  • l’ecobonus per gli interventi di riqualificazione energetica delle singole unità immobiliari;
  • il bonus mobili per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe energetica elevata, la cui detrazione viene aumentata per il 2021 da 10mila a 16mila euro;
  • il bonus verde per gli interventi di sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione di pozzi nonché di realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

Il nuovo bonus “rubinetti”

La legge di Bilancio 2021 introduce (ai commi da 61 a 65) un bonus idrico, pari a 1.000 euro, a favore delle persone fisiche residenti in Italia, da utilizzare, entro il 31 dicembre 2021, per interventi di sostituzione di vasi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto e di apparecchi di rubinetteria sanitaria, soffioni doccia e colonne doccia esistenti con nuovi apparecchi a limitazione di flusso d’acqua, su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari.
Le modalità e i termini per l’erogazione e l’ottenimento del bonus è demandata ad un apposito decreto del Ministro dell’ambiente.


Un servizio dedicato
per ottenere il Superbonus 110%

Possiamo seguire il tuo progetto in tutte le sue fasi, dalla preverifica alla cessione del credito e aiutarti con i documenti necessari ad ottenere la detrazione

SuperBonus 110%

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    News correlate

    Share This