Torna all'elenco

Imprese storiche: premiate la F.lli Gruppi e il calzolaio Giuseppe Tomei

27 Luglio 2018

Mezzo secolo di storia.
vita trascorsa tra casa e bottega, dividendosi tra clienti e famiglia.
amalgamare il tutto: una passione autentica per il proprio mestiere.
È questo il filo che collega le storie di Sergio Gruppi, artigiano ed imprenditore maranese, scomparso pochi mesi fa, e Giuseppe Tomei (classe 1931 – in foto insieme al presidente Luppi e il segretario Rossi), calzolaio di Polinago.
serata di giovedì 26 luglio, Lapam ha voluto premiare l'impegno e la dedizione dei due artigiani, consegnando ad entrambi un riconoscimento al merito.
Sergio Gruppi ha presenziato il figlio Davide, a capo dell'azienda meccanica di precisione insieme al fratello Luca, che oggi serve gruppi internazionali del Packaging e del Motorsport.

«È stato un grande maestro – ha ricordato Gruppi, ritirando il premio – Ci ha insegnato a svolgere il nostro lavoro con precisione maniacale. Basti ricordare che a fine giornata copriva le macchine utensili e il venerdì pomeriggio fermava l'azienda per pulirla da cima a fondo. Questo metodo, insieme al rispetto per i clienti, mi accompagneranno sempre».

Partito come tecnico all'Automac negli anni '50, Sergio ha fondato due aziende e oggi la F.lli Gruppi (raccontata recentemente dalla Confartigianato in questo articolo ndr.) lavora per grandi aziende internazionali, forse il riconoscimento più ambito per una vita trascorsa alla ricerca della qualità del prodotto finito.
medesima passione ha contraddistinto anche Giuseppe Tomei, calzolaio di Polinago.
aver appreso il mestiere dello "scarpolino" presso la bottega dell'artigiano Gino Torelli, Tomei ha aperto il suo primo laboratorio vicino alla chiesa di Polinago, poi a casa di "Minghin" e infine nell'attuale negozio di Corso Roma, dove sul fronte strada ha ancora la rivendita di articoli di pelletteria e nel retrobottega un piccolo laboratorio noto a tutti gli abitanti del paese.
«Se dovete risparmiare sulle scarpe – ama ripetere – fatelo sulle vostre, non su quelle dei vostri figli». L'associazione di Via Emilia Ovest ha ringraziato, commossa, questi due grandi lavoratori.

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    News correlate

    Share This