Torna all'elenco

Modena – Sassuolo, necessaria una moratoria per le multe

Tutti abbiamo a cuore la sicurezza delle strade, tanto necessaria quanto indispensabile, ma questo obiettivo deve essere perseguito con sistemi condivisi e oggettivi, tutto il contrario di ciò che sta avvenendo ora sulla Modena-Sassuolo, una situazione esacerbata dall’attivazione del tutor nel tratto di strada che attraversa il comune di Formigine.

E proprio per questo la nostra associazione insieme a Cna e Legacoop ha scritto alla Prefettura per giustificare la richiesta di annullamento dei verbali elevati dalla polizia locale per le infrazioni ai limiti di velocità rilevati in quel tratto.

Diversi i motivi alla base della richiesta, a cominciare dalla mancanza di un’adeguata segnalazione.

Se i limiti di velocità sono finalizzati alla prevenzione – si legge in una nota delle tre Associazioni – allora questi devono essere segnalati con anticipo, ripetutamente e in modo evidente. Non ci pare che questo sia il caso del tutor installato nel comune di Formigine.

Ma le proteste delle Associazioni sono indirizzate anche al limite stesso: la soglia dei 90km/h è stata fissata in modo arbitrario, visto che la Modena -Sassuolo è stata concepita come una superstrada – tecnicamente una strada extraurbana principale di classe B – per la quale il codice della strada prevede un limite di 110 i km/h, come peraltro già accade in alcuni tratti di questa importante arteria stradale.

Infatti, i circa 13 chilometri della Modena-Sassuolo per diversi anni sono stati suddivisi in tre, con il coinvolgimento, in varie tappe, di Anas ed enti locali.

La conseguenza? Un limite di velocità massima che varia nel giro di pochi chilometri, causando infrazioni che potremmo definire in buona fede e che comunque non rispondono ad alcuna logica “stradale”.

Sanzioni “sanguinose” e, per i professionisti della strada – molti dei quali percorrono la Modena-Sassuolo più volte al giorno – anche il rischio di perdere tutti i punti sulla CQC, vitale per poter svolgere l’attività di autotrasportatore, a causa di infrazioni quasi banali.

In virtù di queste considerazioni Lapam, Cna e Legacoop chiedono alla Prefetta una moratoria per le sanzioni comminate sino ad oggi, un pronto intervento che porti alla determinazione di un unico limite fissato ai 110 km/h e un’adeguata segnalazione del tutor di Formigine, che per rendere questo sistema di controllo più simile ad un meccanismo di prevenzione finalizzato alla condivisibile sicurezza stradale, piuttosto che ad una “trappola” stradale.

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"
    This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate