Torna all'elenco

Rafforzare l’artigianato in Europa. Ecco le proposte all’Unione Europea

20 Giugno 2022

Meno burocrazia, più credito, sostegno all’innovazione e alla transizione green e digitale, più formazione per creare manodopera qualificata. Lo chiedono alle istituzioni europee e nazionali le Confederazioni dell’artigianato e delle Pmi di Italia, Francia e Germania in una Dichiarazione congiunta firmata venerdì 17 giugno a Roma (in allegato in fondo all’articolo ndr.), nel corso di un incontro nella sede di Confartigianato, dal Presidente di Confartigianato Marco Granelli, dalla Vice Presidente di CMA France Fabienne Munoz e dal Presidente di ZDH Hans Peter Wollseifer.

Il documento è stato illustrato al Ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti al quale i vertici delle tre Confederazioni, che rappresentano 3 milioni di imprese e 11 milioni di addetti in Italia, Francia e Germania, hanno indicato la necessità di un deciso impegno della UE e dei singoli Stati per rafforzare l’artigianato e le micro e piccole imprese e sostenerne lo sviluppo in questa fase di profonde trasformazioni economiche e sociali.

Le proposte all’Unione Europea

Tra le misure prioritarie sollecitate dai rappresentanti delle PMI: la riduzione degli oneri burocratici a carico delle imprese e l’applicazione sistematica del principio “Think Small First” (Pensare innanzitutto ai piccoli ndr.); migliorare l’accesso ai finanziamenti necessari per potenziare le attività d’impresa; sostenere i processi di innovazione e la digitalizzazione; soddisfare il fabbisogno di manodopera qualificata.

“Gli artigiani e i piccoli imprenditori – ha sottolineato il Presidente di Confartigianato Marco Granelli – sono pronti ad affrontare la sfida dello sviluppo sostenibile e delle trasformazioni tecnologiche e digitali. Ma vanno sostenute nei loro sforzi con un ambiente favorevole alle loro attività, in particolare per quanto riguarda l’impatto delle nuove norme europee in materia di finanza sostenibile e certificazione della sostenibilità”.

Per Fabienne Munoz, vicepresidente di CMA France: “Servono misure straordinarie per sostenere le imprese artigiane e favorire i loro investimenti, riducendo i costi energetici e potenziando la formazione professionale per consentire l’assunzione di manodopera qualificata”.

Da parte sua, il Presidente di ZDH Hans Peter Wollseifer ha insistito sulla necessità di “abbattere il carico di burocrazia che oggi pesa sui piccoli imprenditori e di eliminare gli obblighi di rendicontazione non necessari”.

Allegati

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"
    This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate