Torna all'elenco

DL infrastrutture e trasporti: il Senato dà il via libera alla conversione in legge

10 Novembre 2021

Con 190 voti a favore e 34 contrari, il Senato ha dato il via libera definitivo al DL Infrastrutture e Trasporti su cui il Governo aveva posto la fiducia. Il testo approvato non ha subito modifiche rispetto a quanto era stato licenziato dalla Camera il 28 ottobre scorso.

Il decreto, che era stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 settembre è quindi legge e contiene diverse norme che riguardano anche il settore dell’autotrasporto.

Tra i punti principali, su cui Confartigianato Trasporti è intervenuta rappresentando la propria posizione anche in audizione alla Camera dei Deputati:

  • è stato introdotto l’affidamento alle officine private delle revisioni anche per i rimorchi e i semirimorchi;
  • è stato modificato il Codice della Strada autorizzando il transito complesso veicolare della lunghezza massima fino a 18 metri, rispetto ai 16,50 metri consentiti fino ad ora;
  • ha specificato uno dei criteri di rappresentanza all’interno del Comitato Centrale dell’Albo.

In sede di conversione in legge sono stati autorizzati anche diversi emendamenti d’interesse per il comparto come quello che punta ad affrontare il problema della carenza degli autisti introducendo un contributo di mille euro alle spese per la patente e i certificati professionali per i giovani fino al 35esimo anno d’età e i soggetti che percepiscono il reddito di cittadinanza o ammortizzatori sociali.

Il bonus, riconosciuto fino al giugno 2022, è pari a un rimborso del 50% delle spese sostenute e documentate per il conseguimento della patente e delle abilitazioni professionali per la guida di veicoli destinati all’attività di autotrasporto di merci per conto di terzi. È rivolto inoltre a coloro che, entro un anno dal conseguimento della patente, effettuino prestazioni lavorative o professionali, a qualunque titolo, nell’ambito dell’autotrasporto di merci per conto di terzi, per un periodo di almeno sei mesi.

Sulla disciplina dell’attività di autotrasportatore il testo approvato precisa, inoltre, che il presupposto che rende necessaria l’acquisizione della Carta di qualificazione del conducente (CQC) è l’esercizio dell’attività di trasporto professionale di persone o cose (e non la semplice guida di veicoli di categoria superiore); vengono chiarite anche le diverse casistiche che comprovano il possesso della CQC in relazione a patenti rilasciate da Stati esteri, anche extra europei.

Si autorizza anche la presenza a bordo degli autocarri, oltre che dei conducenti o delle persone addette all’uso delle cose trasportate, anche di una persona neoassunta e in possesso dei titoli professionali previsti per l’esercizio della professione, per un periodo di addestramento tre mesi al massimo.

In sede di conversione è stato introdotto anche un emendamento che consente di calmierare la quota del contributo per l’anno 2022 da versare all’Autorità di Regolazione dei Trasporti (ART).

Sono state ridotte, inoltre, le masse complessive consentite nel caso di trasporti eccezionali, con l’introduzione di deroghe per i veicoli in dotazione alla Protezione civile, agli enti locali e del Terzo settore. La massa complessiva di autoveicoli per il trasporto eccezionale non potrà essere superiore a 38 tonnellate se si tratta di autoveicoli isolati a tre assi, a 48 tonnellate se si tratta di autoveicoli isolati a quattro o più assi, a 72 tonnellate se si tratta di complessi di veicoli a cinque assi e a 86 tonnellate se si tratta di complessi di veicoli a sei o più assi.
Dunque, rispetto alla norma precedente, non sarà più prevista la massa fino a 108 tonnellate per complessi di veicoli ad otto assi (si diminuisce la massa dei veicoli per non gravare sulle infrastrutture) e viene inserito il limite di 72 tonnellate per quelli a 5 assi.
Ad ogni modo resta ferma la norma per cui i limiti di massa possono essere superati nel caso in cui sia trasportato un unico pezzo indivisibile.

Sul fronte delle infrastrutture, le nuove disposizioni prevedono anche che siano sospesi gli aumenti dei pedaggi sulle autostrade A24 e A25 fino al 31 dicembre 2021. Si interviene anche sull’affidamento della concessione dell’autostrada A22 del Brennero, con la possibilità del project financing entro il 2022.

Allegati

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate

    Share This