Torna all'elenco

Trasporto persone: associazioni e Regione Emilia Romagna scrivono al ministro De Micheli

Il 10 giugno il Ministro dei Trasporti Paola De Micheli ha incontrato i rappresentanti di Confartigianato per discutere la grave situazione in cui versa il settore del trasporto persone, in particolare quello degli autobus turistici. La nostra confederazione, che aveva già inoltrato nei giorni precedenti un documento al Ministro, ha espresso in quella sede fortissima preoccupazione per lo stato di crisi delle imprese, ferme da febbraio e senza una prospettiva di ripartenza.

Le nostre proposte

La Confederazione ha quindi sottolineato la necessità di far ripartire i flussi turistici, ripristinare le potenzialità di porti e aeroporti, creando quindi le condizioni per un rilancio a forte trazione turistica. Servono soprattutto aiuti concreti: un fondo indennizzi per i mesi di fermo, la sospensione del versamento delle imposte, la proroga degli ammortizzatori sociali, la proroga degli affidamenti dei servizi di trasporto in appalto e il pagamento dei servizi di trasporto non effettuati a causa dell’interruzione dell’anno scolastico, il rimborso delle accise sul carburante, la sempre maggiore integrazione del TPL con servizi affidati alle imprese private e una revisione al ribasso delle tariffe di ingresso nelle ZTL.

la nostra organizzazione vanno inoltre eliminate le incongruenze tra le linee guida nazionali ed alcune linee guida regionali che rischiano di mettere in confusione gli imprenditori e che va corretto il parametro delle misure di distanziamento posti sugli autobus turistici, costretti a dimezzare i posti a sedere a differenza dei pari dimensione autobus urbani che, pur dimezzando i posti, riescono a garantire il trasporto di oltre 45 persone.

Ministra, oltre agli impegni assunti nei confronti della categoria, ha comunicato anche che verrà costituito un apposito tavolo tecnico presieduto dal Sottosegretario Salvatore Margiotta che avrà lo scopo di trovare soluzioni condivise a sostegno della categoria e per l’applicazione dell’art.109 “Servizi delle PA” del decreto n°34 cosiddetto “Rilancio”, con la partecipazione dell’Anci.

La lettera di Regione Emilia Romagna al Ministero dei Trasporti

In data 12 giugno l’assessore alla Mobilità, Turismo e Trasporti di Regione Emilia Romagna, Andrea Corsini e l’assessore alle Attività produttive, Green Economy, Formazione e Lavoro, Vincenzo Colla, hanno scritto una lettera congiunta rivolta all’attenzione del Ministro dei Trasporti De Micheli, rilanciando le proposte della nostra associazione, insieme a quelle di Cna.

“Le richieste avanzate da Cna e Confartigianato – si legge nella lettera – aprono un ventaglio di possibili proposte di interventi che opportunamente valutate potrebbero consentire un sostegno concreto alle imprese e ai lavoratori coinvolti”.

I numeri forniti da viale Aldo Moro nella missiva inviata al Ministero parlano di circa 6mila imprese bus, 30mila aziende di noleggio con conducente, 60mila autisti e 5mila addetti per l’indotto.

“Regione Emilia Romagna – prosegue l’ente regionale – sta già prevedendo la disponibilità di proprie risorse nel bilancio di assestamento per consentire anche un reale coinvolgimento del settore ad integrazione del trasporto pubblico di linea, tenuto conto del nuovo scenario che si sta disegnando da settembre, quando le scuole riapriranno e tutte le attività produttive dovrebbero rientrare a regime come nel periodo pre-emergenza, fermo restando la conferma delle regole sul distanziamento richiesto a tutela dell’utenza e dei lavoratori”.

Per maggiori informazioni

contattaci@lapam.eu
893111

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    News correlate

    Share This