Torna all'elenco

Fondo speciale di garanzia per l’accesso al credito

17 Gennaio 2020

La Regione Emilia-Romagna ha stanziato oltre 6.5 milioni di euro di Fondi europei – Por Fesr 2014-2020 per l'istituzione della sezione speciale Emilia-Romagna del Fondo di Garanzia per le P.m.i. gestito dal Ministero per lo sviluppo economico. L’accordo è stato siglato con l'obiettivo di rendere possibile e più veloce per aziende e professionisti regionali il reperimento di liquidità per realizzare investimenti. Tale accordo è stato approvato con delibera di giunta regionale n.1943 dell'11 novembre 2019.

Con il Fondo di garanzia Special-ER per le piccole e medie imprese, sarà possibile riassicurare gli investimenti delle Pmi emiliano romagnole fino al 90% della quota garantita dai Consorzi Fidi, rendendo più facile l’accesso al credito da parte di aziende e professionisti.

Soggetti beneficiari

Possono accedere al Fondo le le micro, piccole e medie imprese, e i professionisti iscritti agli ordini professionali e quelli aderenti alle associazioni professionali iscritte nell'elenco tenuto dal Ministero ai sensi della legge n. 4 del 14 gennaio 2013 e in possesso dell'attestazione rilasciata ai sensi della medesima legge.

Quali operazioni finanzia

Nel rispetto delle condizioni di accesso alla garanzia del Fondo stabilite dalla normativa in vigore, la Sezione speciale interviene finanziando, insieme al Fondo stesso, la riassicurazione e la controgaranzia.

Interventi ammessi

Le operazioni devono finanziare investimenti ovvero esigenze relative al capitale circolante dell’impresa beneficiaria connesse a un progetto di sviluppo aziendale riguardante:
– fasi iniziali dell’attività dei soggetti beneficiari;
– capitale connesso all’espansione dell’attività dei soggetti beneficiari;
– capitale necessario al rafforzamento delle attività generali del soggetto beneficiario (rientrano in tale categoria sia il rafforzamento della capacità produttiva del soggetto beneficiario sia le attività dirette a stabilizzare, ovvero a difendere, la posizione di mercato del soggetto beneficiario);
– nuovi progetti aziendali, quali, a titolo esemplificativo, la realizzazione di nuove strutture o di campagne di marketing;
– attività di penetrazione in nuovi mercati, nel rispetto di quanto consentito dal regolamento de minimis e dal regolamento di esenzione;
– attività dirette alla realizzazione di nuovi prodotti o servizi o all’ottenimento di nuovi brevetti.

Non sono ammissibili all’intervento della Sezione speciale le operazioni di consolidamento di passività finanziarie a breve termine, le ristrutturazioni di debiti pregressi e le imprese attive nei settori della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli.

Tutti gli investimenti devono essere riferiti a progetti avviati in Emilia-Romagna.

Come interviene 

La Sezione speciale interviene per finanziare:
a) l’incremento della misura della riassicurazione fino ad un massimo pari al 90% dell’importo garantito dal confidi richiedente, entro i limiti riportati nella tabella allegata all’Accordo del 11/02/2018 (vedi tabella allegata).
b) il pari incremento della misura della connessa controgaranzia rilasciata dal Fondo. 

Scadenze

Il Fondo Special-ER è attivo fino al 31 dicembre 2023. Per fare domanda di finanziamento è necessario rivolgersi a uno dei consorzi fidi convenzionati con il Ministero per lo sviluppo economico. 

Informazioni 

Per maggiori informazioni contattare l'Agenzia di Unifidi Secofin tel. 059893204 – mail secofin@lapam.eu 

Allegati

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    News correlate

    Share This