Torna all'elenco

Ambiente e sostenibilità: le novità della Legge di Bilancio 2021

La legge di Bilancio per il 2021, pubblicata in Gazzetta Ufficiale lo scorso 30 dicembre, ha introdotto alcune novità sul fronte della sostenibilità ambientale. Oltre ad un nuovo rinvio dell’entrata in vigore dalla cosiddetta “Plastic Tax“, slittata ora al 1° luglio 2021, ecco un elenco delle principali.

Le novità

Partiamo dall’incremento di 11 milioni di euro del fondo per il sistema nazionale delle aree protette. A questo si aggiungono una serie di agevolazioni nelle zone economiche ambientali (ZEA), ossia i parchi nazionali e i comuni in essi compresi che prevedono incentivi per il vuoto a rendere, compostiere di comunità, sentieristiche, tariffa puntuale dei rifiuti.

Nei territori di prossimità di aree protette (parchi naturali, riserve, siti naturalistici Unesco) sono finanziati progetti pilota di educazione ambientale con un fondo di 8 milioni di euro fino al 2022.

Tra le misure rivolte direttamente alle PMI segnaliamo l’istituzione di un fondo d’investimento per la transizione ecologica dedicato al rafforzamento della filiera del settore aeronautico nazionale, della chimica verde, della fabbricazione di componenti per la mobilità elettrica e per la produzione di energia da fonti rinnovabili. La dotazione iniziale è di 100 milioni per il 2021 e di 250 milioni fino al 2026.

Tra le altre novità, l’istituzione della piattaforma per la certificazione ambientale per la finanza sostenibile, aperta a soggetti pubblici e privati e finanziato con 500mila euro all’anno.

Il commento della nostra associazione

Le risorse stanziate insieme a quelle previste dal Recovery Plan italiano, saranno utili a favorire la transizione green delle PMI.

Mentre il nuovo rinvio dell’entrata in vigore della Plastic Tax al 1° luglio 2021, con la riduzione delle sanzioni per il mancato pagamento, l’innalzamento delle soglie di esenzione e l’estensione dell’obbligo anche a committenti stranieri che intendono vendere a soggetti nazionali, è un segnale positivo, ma è necessaria una ulteriore proroga al 2022 per non ostacolare l’auspicata ripresa economica.

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    News correlate

    Share This