Torna all'elenco

Detrazioni Fiscali per il verde privato – Nuovo fiato all’economia del turismo

Christian Mattioli, presidente Lapam Gruppo Giardinieri, interviene in merito al DDL, presentato lo scorso 1 luglio in Senato, sulla detraibilità fiscale per le opere verdi dal titolo “Misure di agevolazione fiscale per interventi di sistemazione a verde di aree scoperte di pertinenza delle unità immobiliari di proprietà privata”, di cui Lapam è parte attiva sia come gruppo Giardinieri di Modena e Reggio Emilia sia come Confartigianato a livello nazionale.

“Il disegno di legge intende promuovere e rafforzare in Italia una sana e diffusa cultura del verde – sottolinea Mattioli – attraverso la previsione di specifici incentivi per la realizzazione di interventi di riqualificazione e recupero che abbiano come effetto quello di incrementare il valore ecologico e ambientale delle zone densamente edificate ovvero di recuperare quello estetico e paesaggistico di spazi privati spesso caratterizzati da degrado e abbandono. L’obiettivo è quello di implementare il verde privato, non solo come arredo estetico, ma anche quale fattore essenziale di sviluppo e miglioramento della qualità della vita degli abitanti di un determinato territorio”.

“Come Confartigianato appoggiamo tale misura di intervento che va senza dubbio nella direzione di sostenere le imprese del verde che operano nella legalità dando allo stesso tempo modo di fare emergere del “sommerso” – continua Mattioli – . La possibilità di avere detrazioni fiscali sui lavori svolti nel proprio verde, necessiterà di una rendicontazione con fattura per questo siamo convinti che questo DDL, oltre a favorire lo sviluppo estetico del paesaggio, aiuterà a combattere il problema del lavoro nero”.

Grazie alle agevolazioni, questo disegno di legge  potrebbe rivelarsi propulsivo e in grado di regalare nuovo fiato all’economia del turismo, ricreando pregio e bellezza, da sempre bandiere del Bel Paese”.


La proposta di disegno di legge sulle detraibilità fiscale per opere verdi (presentato in senato il 1°luglio) ci vede parte attiva sia come gruppo giardinieri di Modena e Reggio Emilia sia come Confartigianato a livello nazionale. Questa misura di intervento va senza dubbio nella direzione di sostenere le imprese del verde che operano nella legalità dando allo stesso tempo modo di fare emergere del lavoro “sommerso”, problema molto sentito da tutte le imprese del settore.

Allegati

Per maggiori informazioni

Per cogliere questa opportunità, o richiedere maggiori informazioni, è sufficiente compilare questo modulo e sarete ricontattati.

Sei associato? *

Please wait...

News correlate

Share This