Torna all'elenco

Tax credit per la riqualificazione degli hotel: click day il 1° febbraio 2016

18 Gennaio 2016

Fino al 29 gennaio c'è possibilità di inserire le istanze per la richiesta del credito di imposta del 30%, fino a un massimo di 200mila euro, riferite alle spese sostenute tra il 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2015, ripartito in 3 quote annuali di pari importo (utilizzabile esclusivamente in compensazione), non cumulabile con altre agevolazioni fiscali.
 
accedervi ogni struttura ricettiva esistente alla data del 1° gennaio 2012 definita come struttura aperta al pubblico, a gestione unitaria, con servizi centralizzati che fornisce alloggio, eventualmente vitto e altri servizi accessori, in non meno di 7 camere per il pernottamento degli ospiti situate in uno o più edifici. Sono compresi in questa definizione: alberghi, villaggi albergo, residenze turistico – alberghiere, alberghi diffusi, condhotel, marina resort.

credito di imposta è riconosciuto esclusivamente per le spese relative a:
A – interventi di ristrutturazione edilizia
(1)
interventi di manutenzione straordinaria: (1.1) opere e modifiche per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici; (1.2) opere per realizzare e integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici; (1.3) interventi di frazionamento/accorpamento delle unità immobiliari;
(2) restauro e risanamento conservativo
(3) ristrutturazione edilizia secondo art. 3 c. 1 lettera d) DPR 380/2001

B – Interventi di eliminazione delle barriere architettoniche
(1) interventi per eliminare ostacoli fisici alla mobilità, all’uso di spazi/attrezzature, mancanza di segnalazione adeguata
(2) progettazione ambienti, prodotti, programmi e servizi utilizzabili da tutte le persone
(3) interventi per eliminare barriere sensoriali e alla comunicazione

C – Interventi per l’incremento dell’efficienza energetica
(1) interventi di riqualificazione energetica
(2) interventi sull’involucro edilizio (pareti, coperture, pavimenti)
(3) sostituzione di impianti di climatizzazione

D – Acquisto mobili e componenti di arredo
(1) ristrutturazione/rifacimento cucine e attrezzature professionali per la ristorazione
(2) mobili e complementi d’arredo da interno e da esterno
(3) mobili fissi (bagno, illuminazione ecc.)
(4) pavimentazioni di sicurezza, arredi per convegnistica, attrezzature parchi giochi, attrezzature sportive
(5) arredi e strumentazioni per realizzare centri benessere dentro le strutture ricettive

’agevolazione per la ristrutturazione degli alberghi può contare su uno stanziamento di 50 milioni di euro per ciascuno anno dal 2016 al 2019

quota destinata ai mobili e componenti d’arredo non potrà superare il 10% delle risorse annue disponibili.

i costi sostenuti nel 2015 la registrazione e compilazione dell’istanza potrà avvenire, tramite il Portale dei Procedimenti https://procedimenti.beniculturali.gov.it, fino al 29 gennaio 2016. 

Il click day, invece, è previsto dall’1 al 5 febbraio 2016.

Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo riconoscerà il credito d’imposta previa verifica dell’ammissibilità della domanda in ordine al rispetto dei requisiti soggettivi ed oggettivi e formali, nonché nei limiti delle risorse disponibili.
 
risorse saranno assegnate secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande. Entro 60 giorni dal termine finale di presentazione delle domande, il Ministero pubblicherà l’elenco delle domande ammesse; entro 60 giorni dalla data di tale pubblicazione, il Ministero comunicherà con le stesse modalità, l’ammontare delle risorse utilizzate nonchè di quelle che saranno prevedibilmente disponibili per l’anno successivo.

Per magggiori informazioni contattare Secofin – secofin@lapam.eu

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    News correlate

    Share This